Ti trovi qui: Servizi ยป Protesi dentale

Suggerimenti

Scrivici per riferirsi i tuoi suggerimenti e i pareri sui nostri servizi!

Nome contatto*:
E-mail*:
Oggetto*:
Telefono*:
Messaggio*:
Il seguente campo NON deve essere compilato.
 
 

Protesi dentale

La mancanza di uno o più denti può mettere a rischio la salute orale. Gli altri denti, infatti, tendono a spostarsi per riempire lo spazio vuoto, modificando il modo in cui le arcate dentarie ingranano fra loro.

La mancanza anche di un solo dente porta a un cambiamento nella posizione dei denti vicini, che si inclinano, e dei denti dell'arcata opposta, che tendono ad allungarsi.

Muscoli, ossa e articolazioni, poi, possono risentirne, e la masticazione può risultare difficile o do­lorosa. I denti che hanno cambiato posizione possono diventare difficili da pulire correttamente, causando carie e disturbi gengivali. Inoltre la mancanza di uno o più denti, o la presenza di denti molto danneggiati, compromette l'estetica della bocca, creando disagio e condizionando negativa­mente il rapporto con gli altri.

Come sostituire i denti mancanti?

Tra le soluzioni più frequenti per la sostituzione di un dente mancante c'è l'impiego di protesi fisse, in particolare corone e ponti. Una corona (spesso chiamata capsula) è un manufatto che ricopre la parte masticante del dente. È impiegata per ricostruire i denti danneggiati dalla carie o fratturati, o per correggere difetti estetici.

Una corona (o capsula) ricopre completamente la parte visibile del dente.

Un ponte, invece, sostituisce uno o più denti mancanti. È formato da denti naturali ricoperti da coro­ne (o capsule), i pilastri del ponte, che sorreggono uno o più denti artificiali.

Un ponte sostituisce il dente mancante appoggiandosi su due denti naturali, opportunamente ridotti, che fanno da pilastri.

Corone e ponti possono essere costituiti di diversi materiali: oro o altri metalli, porcellana, resina, combinazioni metallo-porcellana o metallo-resina, zirconio ceramica per fusione.

In generale il metallo offre maggiori garanzie di resistenza, mentre la porcellana o lo zirconio assicurano un'estetica ottimale.

Il dentista consiglierà il materiale più adatto al caso specifico.

Come si preparano una corona o un ponte?

Nella prima seduta, in un primo momento, è eseguita la preparazione dei denti da ricoprire con una corona (i denti pilastro, nel caso del ponte): i denti sono ridotti e modellati in modo da permettere l'alloggiamento della co­rona o del ponte.

Prima di poter essere ricoperto da una corona, il dente è preparato, cioè ridotto. Se il dente originale è molto distrutto, prima della preparazione è necessario ricostruirlo con dei perni fusi in metallo, in carbonio, in fibra di vetro o con un'otturazione.

Viene presa un'impronta dei denti preparati, dei denti vicini e di quelli dell'arcata opposta.

Il dentista prepara una protesi provvisoria (corona o ponte), che protegge i denti preparati tra una seduta e l'altra.

Occorre prendersi cura della protesi provvisoria seguendo le seguenti raccomandazioni:

  • evitare i cibi troppo duri o appiccicosi; spazzolare delicatamente intorno alla protesi;

  • usare il filo interdentale rimuovendolo lateralmente e non tirando verso l'alto o verso il basso;

  • chiamare il dentista se il provvisorio si sposta o viene via.

Le impronte sono inviate al laboratorio, che realizza la protesi definitiva in un periodo di circa 2 – 3 settimane, ma il tempo è variabile e dipendente dalla complessità del manufatto.

Successivamente si procederà alla sostituzione del manufatto provvisorio con la protesi definitiva .

L'ultimo passaggio è la cementazione della corona o del ponte definitivi.

Chiama il tuo dentista se:

  • i denti diventano sensibili al caldo, al freddo, o alla masticazione;

  • senti dolore o fastidio alla bocca;

  • il ponte o la corona si allentano o si staccano. In questo caso è importante non provare a fissarli da soli.

Come prendersi cura delle corone e dei ponti

  • spazzolare e usare il filo interdentale o lo scovolino accuratamente, come si fa per i denti natura­li;

  • chiedere al dentista informazioni sui mezzi più idonei per l'igiene vicino a ponti e corone;

  • andare regolarmente alle visite di controllo (in genere ogni 6 mesi).